Bevagnambiente, su alcune pagine, utilizza cookie di terze parti (in particolare, ad esempio, cookie legati a YOUTUBE, alle mappe di google...), rispetto a questi, come puoi ben immaginare, non abbiamo alcuna possibilità di intervenire. Se ci scrivi, se lasci dei commenti ecc. la tua email sarà gestita esclusivamente per risponderti, comunicare con te ma non la cederemo ad altri, IN OGNI MOMENTO PUOI CHIEDERCI DI CANCELLARLA E NOI PROVVEDEREMO, TOGLIENDOTI DALLA NOSTRA MAILING LIST! Per il resto cerchiamo di migliorare la tua navigazione sul nostro sito senza intervenire sulla tua privacy. Sono possibili cookie tecnici nel rispetto della vigente normativa. Se continui a utilizzare questo sito, senza modificare le impostazioni dei cookie nel browser che utilizzi, e clicchi su "Chiudi e accetta" permetti il loro utilizzo.



Sulla classificazione delle orchidacee riportiamo alcune considerazioni tratte dalla "Prefazione" di Walter Rossi al volume: Rossi W., 2002 -Orchidee d'Italia - Quad. Cons. Natura, 15, Min. Ambiente - Ist. Naz. Fauna Selvatica.

Anacamptis pyramidalis con una zigena"La classificazione delle orchidee è sempre stata caratterizzata da una spiccata instabilità ed anche in passato l'uscita di un nuovo lavoro ha spesso mutato, talvolta profondamente, la tassonomia utilizzata fino a quel momento. 
In questi ultimi anni, poi, tecniche sempre più sofisticate e soprattutto l'uso di marcatori molecolari stanno imprimendo una ulteriore accelerazione a questo fenomeno e chiunque si avvicini a questa affascinante famiglia vegetale viene frastornato dal continuo cambiamento dei nomi. 
Per questo motivo avevo fino ad oggi resistito a varie richieste di scrivere un libro sulle orchidee italiane, in attesa che i vari studi, compresi i miei, portassero a stabilizzarne la classificazione: cosa che, al momento, ritengo ancora lontana."


A tale proposito può essere indicativo ricordare che in Tutin et alii,Flora Europea, 1980, erano citate 44 specie di Ophrys, mentre oggi ne sono censite oltre 200. 
La classificazione più usuale, specie in passato, si è basata sullo studio e la comparazione dei caratteri morfologici (osservabili direttamente anche con l'ausilio di una lente d'ingrandimento). 
Sempre più frequentemente a tali caratteri si è unito lo studio congiunto dell'analisi biostatistica.
Ora stanno avendo un grande sviluppo i metodi basati sull'indagine molecolare (soprattutto del DNA) e sul rapporto pianta-insetto impollinatore. 
Si tratta, in ogni caso, di studi ancora lontani dal raggiungere risultati definitivi, condivisi unanimemente dal mondo scientifico: la classificazione delle famiglia delle orchidacee è ancora in attesa di raggiungere una sistemazione definitiva.
Oggi per classificare le orchidee gli orchidofili dilettanti debbono forzatamente attenersi al classico metodo macromorfolgico:

  • osservare i caratteri di fiori e foglie,
  • valutare l'aspetto complessivo della pianta,
  • valutare il contesto ambientale in cui le orchidee vegetano.

Questi sono gli unici indicatori che possono aiutare l'identificazione delle orchidee a chi è armato, al massimo, di una buona macchina fotografica, reflex o digitale, e di una lente d'ingrandimento.

Bevagnambiente è un itinerario di conoscenza per scoprire, conoscere, amare Bevagna ed il suo ambiente.

Con Bevagnambiente diamo voce e spazio a chi, amando questo territorio, vuole promuoverne la conoscenza e il rispetto.

Chi pensa che sia possibile una crescita infinita in un mondo finito o è un pazzo o un economista… [KB]

loghibevagna.jpg
Saturday the 16th. BevagnAmbiente.