Bevagnambiente, su alcune pagine, utilizza cookie di terze parti (in particolare, ad esempio, cookie legati a YOUTUBE, alle mappe di google...), rispetto a questi, come puoi ben immaginare, non abbiamo alcuna possibilità di intervenire. Se ci scrivi, se lasci dei commenti ecc. la tua email sarà gestita esclusivamente per risponderti, comunicare con te ma non la cederemo ad altri, IN OGNI MOMENTO PUOI CHIEDERCI DI CANCELLARLA E NOI PROVVEDEREMO, TOGLIENDOTI DALLA NOSTRA MAILING LIST! Per il resto cerchiamo di migliorare la tua navigazione sul nostro sito senza intervenire sulla tua privacy. Sono possibili cookie tecnici nel rispetto della vigente normativa. Se continui a utilizzare questo sito, senza modificare le impostazioni dei cookie nel browser che utilizzi, e clicchi su "Chiudi e accetta" permetti il loro utilizzo.



Nome volgare
Elleborina comune

Descrizione
È una pianta di aspetto robusto, alta 20-100 cm.
Ha fusto fiorale di colore grigio-verde, talora variamente violaceo nella parte inferiore e con una leggera pubescenza nella porzione sommitale.
Ha foglie disposte a spirale, abbraccianti il fusto:

  • le inferiori sono tondeggianti,
  • le superiori generalmente oblungo-lanceolate.

Epipactis helleborine, particolare dell'infiorescenzaL'infiorescenza è allungata, più o meno densa ed unilaterale.
Porta fino a 100 fiori (ma talvolta anche solo pochi).
I sepali sono divergenti, ovati, di colore variabile da verdastro a rosa-violaceo, lucenti internamente.
I petali sono un poco più larghi dei sepali, di colore generalmente più roseo, ma anche biancastro, verdastro o porporino.
L'ipochilo è emisferico, esternamente di colore verde-rosato, internamente di colore bruno scuro.
L'epichilo è cuoriforme, munito alla base di due gibbosità rugose, con apice generalmente curvato all'indietro.
Il colore del labello varia dal biancastro al bianco-verdastro, fino al roseo o al rosso-porporino.

Periodo fioritura
Da giugno fino a luglio-agosto.
Habitat
Boschi ombrosi generalmente di latifoglie.
Nel nostro territorio è stata rilevata nella faggeta di Casetta Ciccaglia.

Dove è presente
Segnalata in tutta Italia, piuttosto diffusa specialmente sui rilievi.

Altre osservazioni
L'Epipactis helleborine è una specie polimorfa sia per le dimensioni complessive, sia per il numero dei fiori, sia anche per la colorazione che può passare dal verdastro al porpora-violetto.
Il riconoscimento, in genere, si basa:

  • sulla grandezza delle foglie (7-17 cm di lunghezza per 4-10 cm di larghezza),
  • sulla disposizione a spirale delle foglie,
  • sulle callosità, presenti ma attenuate, alla base dell'epichilo.

 

IL GENERE
Epipactis Zinn

É un genere difficilmente confondibile con gli altri:
  • ha fiori evidentemente peduncolati, con sepali e petali simili tra loro per forma e dimensioni,
  • ha il labello privo di sperone, nettamente diviso in due parti da una strozzatura, con la porzione basale, l'ipochilo, di forma circa emisferica,
  • ha la colonna corta, senza viscidii e borsicole.
Diverso è il discorso a livello specifico.
Qui la classificazione è piuttosto complessa per l'elevatissimo numero di specie e sottospecie descritte recentemente, non sempre di valore sistematico certo.
Molte specie di Epipactis sono autogame o prevalentemente tali.
Altre sono a fecondazione incrociata e attirano gli insetti per mezzo del nettare presente nell'ipochilo.
Tra gli impollinatori più efficaci sono segnalati vespe, api e Ditteri Sirfidi.
Tutte le Epipactis sono geofite rizomatose con foglie cauline.

Bevagnambiente è un itinerario di conoscenza per scoprire, conoscere, amare Bevagna ed il suo ambiente.

Con Bevagnambiente diamo voce e spazio a chi, amando questo territorio, vuole promuoverne la conoscenza e il rispetto.

Chi pensa che sia possibile una crescita infinita in un mondo finito o è un pazzo o un economista… [KB]

loghibevagna.jpg
Monday the 18th. BevagnAmbiente.