Bevagnambiente, su alcune pagine, utilizza cookie di terze parti (in particolare, ad esempio, cookie legati a YOUTUBE, alle mappe di google...), rispetto a questi, come puoi ben immaginare, non abbiamo alcuna possibilità di intervenire. Se ci scrivi, se lasci dei commenti ecc. la tua email sarà gestita esclusivamente per risponderti, comunicare con te ma non la cederemo ad altri, IN OGNI MOMENTO PUOI CHIEDERCI DI CANCELLARLA E NOI PROVVEDEREMO, TOGLIENDOTI DALLA NOSTRA MAILING LIST! Per il resto cerchiamo di migliorare la tua navigazione sul nostro sito senza intervenire sulla tua privacy. Sono possibili cookie tecnici nel rispetto della vigente normativa. Se continui a utilizzare questo sito, senza modificare le impostazioni dei cookie nel browser che utilizzi, e clicchi su "Chiudi e accetta" permetti il loro utilizzo.



Nome volgare
Ofride calabrone

Ophrys crabronifera
Descrizione

È una pianta alta da 20 a 60 cm.
Il fusto è eretto e robusto.
Le foglie sono basali oblungo-lanceolate.
L'infiorescenza si allunga sul fusto, formata da pochi individui (3-8) abbastanza grandi.
I sepali sono biancastri, rosei o raramente verdastri, con una nervatura centrale verde; i sepali laterali sono rivolti all'infuori, quello centrale è eretto.
I petali, lunghi circa i 2/3 dei sepali, sono di colore roseo e pubescenti.
Il labello è intero, convesso, peloso ai margini, di colore bruno-rossiccio, anche scuro.
Il disegno è ridotto a due gocce, talora unite a ferro di cavallo.
L'apicolo è importante, generalmente triangolare o tridentato, di colore verde-giallastro, rivolto in avanti e in basso.

Periodo fioritura
Da marzo a maggio.

Habitat
Prati aridi, boschi aperti, garighe, fino a 1000 m di altitudine.

Ophrys crabronifera Dove è presente
Segnalata in Italia centrale e penisola sorrentina.

Altre osservazioni
Nel territorio trevano, ne abbiamo rilevato la presenza nei castagneti di Manciano.

IL GENERE
Ophrys Linnaeus

in questo genere, il labello è la parte morfologicamente più rilevante.
Solitamente, è vellutato, più/meno peloso, più/meno convesso, con una pigmentazione che richiama la forma di insetti e di ragni.
I fiori sono pochi e distribuiti lungo lo stelo.
Le diverse specie di Ophrys hanno un aspetto complessivamente simile.
Si differenziano tuttavia per i caratteri del labello.
Nella specie apifera prevale l'autoimpollinazione, mentre nelle altre specie è presente la riproduzione entomogama, ovvero tramite insetti.
I maschi degli insetti impollinatori sono attratti:
  • dalla forma del labello (simile nel colore a quello della femmina della stessa specie),
  • da richiami olfattivi (che rievocano i feromoni emessi dalla femmina dell'insetto impollinatore),
  • dalla peluria presente sullo stesso labello.
L'eccitazione sessuale porta l'insetto a "imbrattarsi" con la massa pollinica, che viene poi depositata sul fiore visitato successivamente.
In alcune specie di Ophrys, tra cui la O. bombyliflora, la riproduzione avviene, infine, anche attraverso la produzione di rizotuberi supplementari.

Bevagnambiente è un itinerario di conoscenza per scoprire, conoscere, amare Bevagna ed il suo ambiente.

Con Bevagnambiente diamo voce e spazio a chi, amando questo territorio, vuole promuoverne la conoscenza e il rispetto.

Chi pensa che sia possibile una crescita infinita in un mondo finito o è un pazzo o un economista… [KB]

loghibevagna.jpg
Saturday the 21st. BevagnAmbiente.