Bevagnambiente, su alcune pagine, utilizza cookie di terze parti (in particolare, ad esempio, cookie legati a YOUTUBE, alle mappe di google...), rispetto a questi, come puoi ben immaginare, non abbiamo alcuna possibilità di intervenire. Se ci scrivi, se lasci dei commenti ecc. la tua email sarà gestita esclusivamente per risponderti, comunicare con te ma non la cederemo ad altri, IN OGNI MOMENTO PUOI CHIEDERCI DI CANCELLARLA E NOI PROVVEDEREMO, TOGLIENDOTI DALLA NOSTRA MAILING LIST! Per il resto cerchiamo di migliorare la tua navigazione sul nostro sito senza intervenire sulla tua privacy. Sono possibili cookie tecnici nel rispetto della vigente normativa. Se continui a utilizzare questo sito, senza modificare le impostazioni dei cookie nel browser che utilizzi, e clicchi su "Chiudi e accetta" permetti il loro utilizzo.



Nome volgare
Orchidea maschio
Orchis mascula
Descrizione

È una pianta alta da 20 a 50-60 cm, piuttosto slanciata ma di aspetto robusto.
L'infiorescenza è cilindrica, più o meno densa, composta da fiori relativamente grandi di colore variabile dal rosso porpora al rosa-malva.
I fiori sono costituiti da sepali ovato-lanceolati.
I laterali sono eretti mentre quello mediano è diretto in avanti.
I petali sono conniventi, più corti dei sepali.
Il labello è trilobo, più lungo degli altri pezzi fiorali e presenta al centro una macchia più chiara puntinata di porpora scuro.
Lo sperone è cilindrico e appena un poco ingrossato all'apice, da quasi orizzontale a ben rivolto verso l'alto.
Le brattee sono violacee come la parte alta del fusto. Le foglie basali sono oblungo-lanceolate, lucide, talora, ma non sempre, con piccole macchiette di colore porpora scuro; le foglie superiori sono più strette ed appuntite e avvolgono il fusto.


Periodo fioritura
Da metà aprile a fine giugno. Orchis mascula albina

Habitat
Prati, pascoli montani, boschi radi, su suoli calcarei o neutri, da asciutti a relativamente umidi.

Dove è presente
Segnalata in quasi tutte le regioni italiane, manca in Molise, Puglia e Sicilia; in Sardegna la forma tipica è sostituita dalla sottospecie ichnusae.

Altre osservazioni
Sui prati e ai margini del bosco a monte della strada che da Coste sale ai pascoli del Monte Brunette vi sono interessanti stazioni di un ibrido tra Orchis pauciflora e Orchis mascula, che presenta chiari caratteri intermedi tra le due specie parentali.
Secondo alcuni autori questo ibrido, per la frequenza e la ricchezza delle popolazioni, specialmente nelle aree appenniniche del centro Italia, andrebbe considerato come una specie autonoma di origine ibridogena: Orchis colemanii Cortesi (pro hybr.).

IL GENERE
Orchis Linnaeus

I fiori sono colorati e hanno quasi sempre lo sperone (con la sola eccezione della O. anthropophora); sono riuniti in una spiga dalle forme più varie che prima dello sviluppo è avvolta strettamente da una foglia.
Il ginostemio è eretto e i viscidii sono sempre distinti.
I tuberi sono interi oppure, raramente, appena bilobi.
Le foglie sono numerose, con le inferiori spesso riunite in rosetta e le superiori guainanti.
I fiori della maggior parte delle specie di Orchis sono privi di nettare (tra le specie italiane, presente solo nella O. coriophora), ma attraggono api e bombi "imitando" i fiori che invece ne sono provvisti.
È in corso una profonda revisione del genere che certamente porterà ad una suddivisione e quindi ad una nomenclatura ben diversa da quella ancora oggi proposta.


Orchis colemanii

Bevagnambiente è un itinerario di conoscenza per scoprire, conoscere, amare Bevagna ed il suo ambiente.

Con Bevagnambiente diamo voce e spazio a chi, amando questo territorio, vuole promuoverne la conoscenza e il rispetto.

Chi pensa che sia possibile una crescita infinita in un mondo finito o è un pazzo o un economista… [KB]

loghibevagna.jpg
Monday the 18th. BevagnAmbiente.