Bevagnambiente, su alcune pagine, utilizza cookie di terze parti (in particolare, ad esempio, cookie legati a YOUTUBE, alle mappe di google...), rispetto a questi, come puoi ben immaginare, non abbiamo alcuna possibilità di intervenire. Se ci scrivi, se lasci dei commenti ecc. la tua email sarà gestita esclusivamente per risponderti, comunicare con te ma non la cederemo ad altri, IN OGNI MOMENTO PUOI CHIEDERCI DI CANCELLARLA E NOI PROVVEDEREMO, TOGLIENDOTI DALLA NOSTRA MAILING LIST! Per il resto cerchiamo di migliorare la tua navigazione sul nostro sito senza intervenire sulla tua privacy. Sono possibili cookie tecnici nel rispetto della vigente normativa. Se continui a utilizzare questo sito, senza modificare le impostazioni dei cookie nel browser che utilizzi, e clicchi su "Chiudi e accetta" permetti il loro utilizzo.



Anacamptis

  • ANACAMPTIS L.C.M. RICHARD

Anacamptis pyramidalis (L.) Rich, Orchidea piramidale 

Nota: Diffusa ovunque con grande ricchezza di esemplari e stazioni.

Cephalanthera

  • CEPHALANTHERA L.C.M. RICHARD

Cephalanthera damasonium (Mill.) Druce, Elleborina giallognola
Cephalanthera longifolia (L.) Fritsch, Elleborina bianca
Cephalanthera rubra (L.) Rich., Elleborina rossa

Nota: Nelle nostre aree la C. rubra è la più tardiva delle orchidacee del genere Cephalanthera, la troviamo in piena fioritura a metà-fine giugno, quando stanno fiorendo le ultime C. damasonium e le C. longifolia si presentano frequentemente completamente sfiorite.
Di particolare interesse è la fioritura di questa specie nella faggeta di Casetta Ciccaglia, ove è presente una delle più belle stazioni di agrifoglio dell’Umbria.
Contemporaneamente alla fioritura di Cephalanthera rubra, in questa faggeta annotiamo la fioritura di almeno due specie di Epipactis: E. helleborine ed E. microphylla.

Dactylorhiza

  • DACTYLORHIZA NECKER EX NEVSKI

Dactylorhiza maculata subsp. fuchsii (Druce) Hyl., Orchidea macchiata 

Nota: Il gruppo della Dactylorhiza maculata, come noto, è molto controverso, non tanto per la distinzione dagli altri gruppi (relativamente facile), quanto per le suddivisioni all’interno del gruppo stesso e per la facilità d’ibridazione che spesso determina che intere popolazioni siano composte esclusivamente da individui con caratteri intermedi e quindi difficilmente classificabili.

Dactylorhiza sambucina (L.) Soó 

Nota: Splendide fioriture di orchidea sambucina caratterizzano in primavera molte aree pascolive della fascia montana del territorio di Trevi.

Dactylorhiza romana (L.), Orchidea romana

Nota: Ad oggi è stata rinvenuta nei castagneti di Manciano.

Epipactis

  • EPIPACTIS ZINN

Epipactis helleborine (L.) Crantz
Epipactis microphylla (Ehrh.) Swartz
Epipactis muelleri Godfery

Nota: Allo stato attuale dei nostri studi, questo genere è presente in particolare nella faggeta di Casetta Ciccaglia, forse la più bella faggeta del territorio trevano e dell’intera dorsale dei monti Serano e Brunette.
Per alcuni anni la stazione delle Epipactis presente nella faggeta di Casetta Ciccaglia è risultata completamente distrutta dal passaggio di un gregge di ovini, prima della completa fioritura di tutte le specie presenti.
Annotiamo di avere segnalato il fatto alla Comunanza Agraria di Coste, proprietaria di quei terreni di uso civico.

Gymnadenia

  • GYMNADENIA R. BROWN

Gymnadenia conopsea (L.) R. Brown

Nota: Rinvenuta in varie stazioni prevalentemente su prati pascolo asciutti a substrato calcareo.

Himantoglossum

  • HIMANTOGLOSSUM KOCH

Himantoglossum adriaticum H. Baumann

Nota: Questa specie è stata rinvenuta in numerose stazioni generalmente ricche di esemplari, dalla bassa collina alla media montagna, specialmente ai margini di scarpate e tra cespugli, con le ultime fioriture (rare) a metà luglio.

Limodorum

  • LIMODORUM BOEHMER

Limodorum abortivum (L.) Swartz

Nota: É stata rinvenuta spesso in associazione al barbone adriatico; nel nostro territorio, infatti, è tipica degli stessi ambienti.

Listera

  • LISTERA R. BROWN

Listera ovata (L.) Brown

Nota: Abbiamo rilevato poche piante di questa specie e solo nel fitto di un bosco a monte del Piano di Rio Secco.
Probabilmente è presente anche in altre aree boscate del nostro territorio, ma le piccole dimensioni di questa orchidacea, insieme alla colorazione verdastra, che la fa facilmente confondere tra le tante specie erbacee ed arbustive del sottobosco, certamente non favoriscono un rilevamento assolutamente preciso della diffusione di questa specie.

Neottia

  • NEOTTIA GUETTARD

Neottia nidus-avis (L.) L.C.M. Richard

Nota: Abbastanza diffusa nel fitto del bosco di molte aree montane del nostro territorio, è frequente nelle faggete.

Ophrys

  • OPHRYS LINNAEUS

Ophrys apifera Hudson

Nota: Nella zona di Manciano è presente anche la varietà jurana; è caratterizzata da petali evidenti, lunghi circa 7 mm, larghetti e dello stesso colore dei sepali (nelle nostre osservazioni rosei). Lungo la strada che da Monte Caprile sale a Ponze, nel bosco ceduo, si rileva una piccola stazione di O. apifera var. tilaventina Nonis e Liverani, facilmente riconoscibile in qualità di apifera per il rostro con i caratteri tipici della specie, contraddistinta però dal particolare che il labello ha lo stesso colore dei sepali, solitamente, come nel caso della stazione qui segnalata, rosa. Nella zona della pineta di Coste, infine, si trova un’interessante stazione di O. apifera albina, piuttosto ricca e con fiori assai belli.

Ophrys bertolonii Moretti, Ofride del Bertoloni, Fior di specchio 

Nota: La più bella fioritura di fior di specchio presente nel territorio comunale di Trevi, per gli studi sin qui condotti, si trova sui prati aridi e sassosi, con arbusti sparsi, compresi tra la Pineta di Matigge, il toponimo Case Montelegno e Manciano.
In questa località sono stati rinvenuti alcuni esemplari con gli elementi fiorali privi di labello.
Un’altra stazione relativamente interessante per la bellezza degli esemplari, ma poco ricca numericamente è sul versante nord orientale del Monte Matigge (m 582 s.l.m.), nella zona conosciuta come Costa degli Istriani, in una radura del bosco ad una quota di circa m 475 s.l.m., in prossimità della strada che conduce alla diruta abbazia di Santo Stefano di Manciano.
Sui prati aridi e sassosi, con arbusti sparsi, compresi tra la Pineta di Matigge, il toponimo Case Montelegno e Manciano segnaliamo la presenza di un interessante ibrido intraspecifico, abbastanza conosciuto in Toscana: si tratta dell'ibrido tra O. bertolonii e O. fuciflora subsp. fuciflora, noto con il nome di Ophrys xenobarbia Del Prete et Tosi.
Nello stesso ambiente segnaliamo anche un lusus: alcune piante di O. bertolonii che hanno prodotto dei fiori privi di labello, un fenomeno teratologico davvero particolare.
In questi prati accanto alla forma tipica, sopra descritta, troviamo anche forme dell'ofride del Bertoloni con caratteri molto simili alla O. benacensis, entità, peraltro, ad oggi ancora non segnalata in Umbria.
Gli esperti del G.I.R.O.S. assicurano che comunque si tratta di esemplari di O. bertolonii, seppure atipici, poichè pur avendo il labello non insellato e la macchia tipica della Ophrys benacensis, ha comunque la camera stigmatica più alta che larga, mentre nelle vere O. benacensis la camera stigmatica è più larga che alta.

Ophrys crabronifera Sebast. & Mauri

Nota: Questa specie è stata individuata nel 2007 nel castagneto di Manciano durante una interessantissima escursione floristica del G.I.R.O.S.

Ophrys fuciflora (F.W.Schmidt) Moench., Fior di fuco, Formicone

Nota: Nella pineta di Coste si rileva anche una piccola stazione di O. fuciflora segnalata in LIVERANI, 1991, come O. fuciflora subsp. gracilis O. e E. Danesch.
Questa si differenzia dal tipo perchè si presenta più gracile e bassa, con un’infiorescenza di non oltre 8 elementi fiorali, circa di 1/3 più piccoli che nella specie, con sepali bianco-verdicci o bianco rosei (come nella stazione in esame), piccoli petali triangolari di colore rosa (± intenso), labello di forma quasi quadrata, di colore rosso-bruno, gibbosità basali poco evidenti e disegno più semplice, quasi a forma di H; tale sottospecie è indicata come tipica dell’Italia centrale.
In GRŰNANGER, 2001, tale sottospecie è tuttavia considerata nell’ambito della specie tipo Ophrys fuciflora (F.W.Schmidt) Moench subsp. fuciflora.
Sui prati aridi e sassosi, con arbusti sparsi, compresi tra la Pineta di Matigge, il toponimo Case Montelegno e Manciano segnaliamo la presenza di un interessante ibrido intraspecifico, abbastanza conosciuto in Toscana: si tratta dell'ibrido tra O. bertolonii e O. fuciflora subsp. fuciflora, noto con il nome di Ophrys xenobarbia Del Prete et Tosi.

Ophrys fusca Link, Ofride scura

Nota: Nella popolazione della pineta di Coste il labello degli esemplari di ofride scura qui presenti è di solito lungo ± 12 mm, nella parte inferiore si presenta di colore verdastro o appena soffuso di una tonalità rossastra.
La fioritura di questi esemplari è piuttosto tardiva: generalmente, infatti, avviene alla fine di maggio - primi di giugno.

Ophrys insectifera Linnaeus, Ofride insettifera, fior mosca, calabrone

Nota: La prima segnalazione nel nostro territorio è di maggio 2006.
In particolare, varie piante di Ophrys insectifera sono state rinvenute in alcune radure del bosco ceduo nei pressi del Fosso Venerino, lungo la variante di ritorno 5.1 dell'itinerario 5, descritta nel volume Trevi quattro passi tra storia e natura.

Ophrys sphegodes Miller, Fior ragno

Nota: È certamente l’ofride più diffusa, dalla pianura ai prati pascolo, ai rimboschimenti.
Particolarmente ricca di esemplari sono la pineta di Coste e i prati pascolo, aridi e con roccia calcarea affiorante e sub-affiorante, lungo la strada che da Coste San Paolo sale alla località Casette di Coste.

Orchis

  • ORCHIS LINNAEUS

Orchis anthropophora (L.) Allioni, Ballerina 

Nota: Questa specie non è molto diffusa nel nostro territorio, anche se è abbastanza presente ai margini del bosco, su prati aridi e macchie chiare, anche con qualche stazione relativamente ricca di begli esemplari.

Orchis italica Poiret, Orchidea italica, O. italiana

Nota: Poco diffusa ma con esemplari rinvenuti dal piano (lungo gli argini dei torrenti che scorrono nella valle) all’area collinare-montana.

Orchis mascula (L.) L., Orchidea maschio, Giglio caprino

Nota: È una specie non molto diffusa nel territorio.
È, tuttavia, presente con stazioni ricchissime di esemplari, specialmente nella fascia alto-collinare e montana, ai margini del bosco e sui prati pascolo, generalmente aridi e rocciosi.

Orchis militaris L., Orchidea militare

Nota: Fino ad oggi abbiamo trovato due sole stazioni di questa orchidea
  • la prima nel bosco tra la frazione di Coste e il toponimo Pozzo Conserva.
    In questi ultimi anni, tuttavia, non siamo più riusciti a trovare fiorita questa stazione, vista per l'ultima volta negli anni 1995 - 1997.
  • La seconda ai margini del bosco che costeggia la strada che sale a Ponze, in prossimità di Campolungo.

Orchis morio L., Pan di cuculo, Salep, Giglio caprino  

Nota: Si tratta di una delle specie più diffuse e più ricche di esemplari.
Si presentano frequentemente con colorazione variabile dal viola al rosa chiaro, anche nell’ambito della stessa stazione. Sono relativamente frequenti anche esemplari di colore bianco (ipocromia).

Orchis papilionacea L., Orchidea farfalla

Nota: Molto localizzata, allo stato attuale degli studi l'abbiamo rilevata sui prati aridi e sassosi, con arbusti sparsi, compresi tra la Pineta di Matigge, il toponimo Case Montelegno e Manciano.
È una stazione di poche piante, circondata da una ricca fioritura di fior di specchio e non lontana da alcuni esemplari di Ophrys xenobarbia (ibrido intraspecifico tra O. bertolonii e O. fuciflora).

Orchis pauciflora Tenore, Orchidea gialla 

Nota: Molto frequente con stazioni assai ricche di esemplari, generalmente associata alla Orchis morio, sui prati pascolo e sugli arbusteti aridi e sassosi dalla collina (come nella zona di Manciano – Montelegno) alla media montagna (ad esempio area di Casette di Coste).
Sui prati e ai margini del bosco a monte della strada che da Coste di Trevi sale ai pascoli del Monte Brunette vi sono interessanti stazioni di un ibrido tra Orchis pauciflora e Orchis mascula.
Presenta chiari caratteri intermedi tra le due specie parentali.
Secondo alcuni autori questo ibrido, per la frequenza e la ricchezza delle popolazioni, specialmente nelle aree appenniniche del centro Italia, andrebbe considerato come una specie autonoma di origine ibridogena: Orchis colemanii Cortesi (pro hybr.).

Orchis provincialis Balb. ex Lam. e DC., Orchidea gialla, Orchidea provenzale 

Nota: Una specie non molto frequente a Trevi, ma ricca di esemplari all'interno dei castagneti di Manciano.

Orchis purpurea Hudson, Orchidea purpurea, O. porporina, O. maggiore

Nota: Una delle specie più frequenti, dalla pianura ai pascoli montani, anche con esemplari di notevoli dimensioni, robusti ed appariscenti.

Orchis simia Lamarck, Orchidea scimmia

Nota: Non molto diffusa, è stata tuttavia rinvenuta dalla pianura (lungo gli argini dei torrenti) sino ai boschi collinari-montani, su substrato calcareo.

Orchis tridentata Scopoli, Orchidea tridentata, O. screziata

Nota: Orchis commutata Todaro è una specie morfologicamente quasi indistinguibile dalla O. tridentata.
Differisce da questa perché sia la pianta, sia l'infiorescenza, sia i singoli elementi fiorali hanno dimensioni mediamente superiori. Diverso è invece il numero cromosomico che nella O. commutata è doppio rispetto a quello della O. tridentata.
Alcuni autori la distinguono dalla O. tridentata a livello specifico, sottospecifico o varietale.
In generale, O. commutata presenta i seguenti caratteri:
  • infiorescenza più corta e conica,
  • i fiori meno numerosi, ma come detto più grandi,
  • il casco più allungato,
  • i sepali lunghi fino a 2,5 cm e acuminati,
  • il labello, lungo fino a 2,0 cm, trilobato e fortemente denticolato.
Considerati i caratteri macromorfologici descritti e le differenze riscontrate in popolazioni di alcune diverse stazioni presenti nel territorio trevano, non ci sentiamo di escludere (ma nemmeno di asserire con certezza) che in questo ambito della Valle Umbra meridionale possano essere presenti entrambe le specie.

Orchis ustulata L., Orchidea bruciacchiata

Nota: Rilevata su prati pascolo magri e cespuglietti, anche ai margini del bosco, dall’alta collina alla montagna, non particolarmente diffusa.

Platanthera

  • PLATANTHERA L.C.M. RICHARD

Platanthera bifolia (L.) L. C. M. Richard, Platantera comune
Platanthera chlorantha (Custer) Reichenbach, Platantera verdastra

Nota: Specie rilevate localmente soprattutto nei boschi freschi, su substrato calcareo.

Serapias

  • SERAPIAS LINNAEUS

Serapias vomeracea (Burman f.) Briquet, Serapide, Lingua 

Nota: Nel territorio trevano l'abbiamo osservata per la prima volta all'interno di un rimboschimento, in località Coste, in un periodo di fioritura molto tardivo (fine giugno 2004) e quindi con alcuni caratteri morfologici alterati perchè la pianta stava sfiorendo. Da quell'anno le piante non si sono più sviluppate.
La determinazione si deve ritenere, comunque, piuttosto attendibile, per i seguenti caratteri:
  • le dimensioni dei tepali e del labello,
  • l'epichilo più lungo di 13 mm - nel nostro caso circa 22 mm,
  • l'orientamento dell'epichilo,
  • la presenza nei petali di macchie porpora scuro alla base,
  • le callosità lineari appena divergenti alla base dell'ipochilo,
  • la pelosità diffusa nel labello,
  • l'epichilo di forma lanceolata, largo meno di 2/3 dell'ipochilo disteso.
A giugno 2008, abbiamo trovata una seconda stazione di >cite> Serapias vomeracea molto bella sui prati sassosi, con arbusti sparsi, compresi tra la Pineta di Matigge, il toponimo Case Montelegno e Manciano, al limite tra gli oliveti e i castagneti.

Il 16 maggio 2009 ne abbiamo individuata una terza stazione lungo l'argine sinistro del torrente Tatarena.

Bevagnambiente è un itinerario di conoscenza per scoprire, conoscere, amare Bevagna ed il suo ambiente.

Con Bevagnambiente diamo voce e spazio a chi, amando questo territorio, vuole promuoverne la conoscenza e il rispetto.

Chi pensa che sia possibile una crescita infinita in un mondo finito o è un pazzo o un economista… [KB]

loghibevagna.jpg
Monday the 23rd. BevagnAmbiente.