Bevagnambiente, su alcune pagine, utilizza cookie di terze parti (in particolare, ad esempio, cookie legati a YOUTUBE, alle mappe di google...), rispetto a questi, come puoi ben immaginare, non abbiamo alcuna possibilità di intervenire. Se ci scrivi, se lasci dei commenti ecc. la tua email sarà gestita esclusivamente per risponderti, comunicare con te ma non la cederemo ad altri, IN OGNI MOMENTO PUOI CHIEDERCI DI CANCELLARLA E NOI PROVVEDEREMO, TOGLIENDOTI DALLA NOSTRA MAILING LIST! Per il resto cerchiamo di migliorare la tua navigazione sul nostro sito senza intervenire sulla tua privacy. Sono possibili cookie tecnici nel rispetto della vigente normativa. Se continui a utilizzare questo sito, senza modificare le impostazioni dei cookie nel browser che utilizzi, e clicchi su "Chiudi e accetta" permetti il loro utilizzo.


" ... Le principali sostanze tossiche delle piante sono i glicosidi, le saponine, gli alcaloidi, gli oli essenziali ..."

Anemone dei campi

glicosidi sono stati usati, nella medicina popolare, per l’effetto stimolante sul muscolo cardiaco. Si tratta di sostanze chimiche composte di una parte zuccherina (come il glucosio, il galattosio, ecc.) e di una parte non zuccherina detta aglicone.  Alcuni glicosidi sono praticamente indispensabili nella cura di alcune malattie cardiache, tuttavia in caso di dosaggi errati provocano avvelenamenti.


Favagello

Le saponine hanno una composizione simile a quella dei glicosidi, da cui si distinguono – semplificando al massimo – perché danno una schiuma saponosa quando sono disciolte in acqua. Si tratta di sostanze molto pericolose poiché svolgono, per contatto, un’azione distruttiva nei confronti dei globuli rossi del sangue.


Un ranuncolo con un grillettoGli alcaloidi sono delle sostanze che da un punto di vista chimico contengono azoto, determinano reazioni alcaline e sono pericolosi per la violenta azione che esercitano sul metabolismo animale.

Sono presenti in circa 4.000 specie vegetali e tra le famiglie che non ne contengono ricordiamo le rosacee e le labiate.


Infruttescenza del gigaro

Gli oli essenziali, infine, sono sostanze oleose, chimicamente molto complesse, praticamente insolubili in acqua. Quando sono esposte all’aria assumono rapidamente una consistenza resinosa.
Gli oli essenziali producono effetti benefici per l’organismo, tra cui un’azione espettorante, digestiva, disinfettante. Se ingeriti, possono tuttavia determinare gravi danni a carico del rene, del tubo digerente, delle vie urinarie, ecc.



Esistono, poi, sostanze velenose appartenenti a classi chimiche diverse, come alcuni 
peptidi e talune proteine, tra cui ricordiamo la ricina del ricino comune.

 


Iris gialloPossiamo concludere questo paragrafo con l’invito (etico) a non disprezzare, sempre e comunque, ciò che ci appare ostile, ma il consiglio nella conoscenza naturalistica è di  agire sempre con la massima prudenza e di non raccogliere (e non manipolare) – MAI! – le specie che non conosciamo perfettamente, personalmente!


Citiamo, quindi, l’eremita di Zadig o Il destino, racconto filosofico di Voltaire, per dire con lui:

“Tutto è velenoso quaggiù, e tutto è necessario …”

Bevagnambiente è un itinerario di conoscenza per scoprire, conoscere, amare Bevagna ed il suo ambiente.

Con Bevagnambiente diamo voce e spazio a chi, amando questo territorio, vuole promuoverne la conoscenza e il rispetto.

Chi pensa che sia possibile una crescita infinita in un mondo finito o è un pazzo o un economista… [KB]

loghibevagna.jpg
Monday the 18th. BevagnAmbiente.