Bevagnambiente, su alcune pagine, utilizza cookie di terze parti (in particolare, ad esempio, cookie legati a YOUTUBE, alle mappe di google...), rispetto a questi, come puoi ben immaginare, non abbiamo alcuna possibilità di intervenire. Se ci scrivi, se lasci dei commenti ecc. la tua email sarà gestita esclusivamente per risponderti, comunicare con te ma non la cederemo ad altri, IN OGNI MOMENTO PUOI CHIEDERCI DI CANCELLARLA E NOI PROVVEDEREMO, TOGLIENDOTI DALLA NOSTRA MAILING LIST! Per il resto cerchiamo di migliorare la tua navigazione sul nostro sito senza intervenire sulla tua privacy. Sono possibili cookie tecnici nel rispetto della vigente normativa. Se continui a utilizzare questo sito, senza modificare le impostazioni dei cookie nel browser che utilizzi, e clicchi su "Chiudi e accetta" permetti il loro utilizzo.



Ilex aquifolium, agrifoglio

  • Ilex aquifolium L., agrifoglio - famiglia delle Aquifoliacee

È un arbusto sempreverde di vitale bellezza, che può raggiungere l’altezza di 7-8 m.

  • I fiori, di colore biancastro, sono poco appariscenti e compaiono tra maggio e giugno.
  • Le foglie sono alterne, coriacee, di colore verde scuro, intenso. Lucide sulla pagina superiore, hanno margine ondulato e talora spinoso, evocando funzioni di difesa ma anche di tenacia e prosperità.
  • Il frutto è una drupa di colore rosso vivo.
  • La corteccia è liscia e di colore grigiastro.

 

Descrizione

È un arbusto che può raggiungere l'altezza di 7-8 m.
Ha corteccia liscia di colore grigiastro e foglie alterne, coriacee, di colore verde scuro, intenso.
Lucide sulla pagina superiore, hanno margine ondulato e talora spinoso, evocando funzioni di difesa ma anche di tenacia e prosperità.
I fiori, di colore biancastro e poco appariscenti, compaiono tra maggio e giugno.
Il frutto è una drupa di colore rosso vivo.

 

Tossicità

I frutti rossi sono velenosi per l’uomo, ma costituiscono al contempo un cibo particolarmente appetito dagli uccelli.

Contengono un glicoside e diversi alcaloidi che li rendono pericolosamente purgativi ed emetici.

È quasi superfluo ricordare che sono pericolosi soprattutto per i bambini che vengono inevitabilmente attirati dal colore rosso vivo.

Provocano infiammazioni anche molto gravi che possono risultare pure mortali. I primi sintomi di avvelenamento sono vomito e diarrea.

 

Curiosità

Gli antichi Romani consideravano l’agrifoglio un vero e proprio talismano e usavano piantarlo nelle vicinanze delle abitazioni per assicurarsi buona fortuna e prosperità.

Nei paesi a nord delle Alpi e anche in Gran Bretagna i contadini solevano appendere rametti di agrifoglio in casa, ma anche nelle stalle, per allontanare la malasorte.

In antichità vi era la tradizione di proteggere la carne salata dall’attacco dei topi con l’aiuto delle foglie coriacee e spinose dell’agrifoglio che per questo era conosciuto anche con il nome di pungitopo maggiore.

La drupa rossa dell’agrifoglio, con quella del pungitopo, pianta con il quale l’agrifoglio condivide l’icona di amuleto solstiziale, colora splendidamente il bosco invernale.

È specie protetta di cui è assolutamente vietata la raccolta.

Bevagnambiente è un itinerario di conoscenza per scoprire, conoscere, amare Bevagna ed il suo ambiente.

Con Bevagnambiente diamo voce e spazio a chi, amando questo territorio, vuole promuoverne la conoscenza e il rispetto.

Chi pensa che sia possibile una crescita infinita in un mondo finito o è un pazzo o un economista… [KB]

loghibevagna.jpg
Saturday the 21st. BevagnAmbiente.