Bevagnambiente, su alcune pagine, utilizza cookie di terze parti (in particolare, ad esempio, cookie legati a YOUTUBE, alle mappe di google...), rispetto a questi, come puoi ben immaginare, non abbiamo alcuna possibilità di intervenire. Se ci scrivi, se lasci dei commenti ecc. la tua email sarà gestita esclusivamente per risponderti, comunicare con te ma non la cederemo ad altri, IN OGNI MOMENTO PUOI CHIEDERCI DI CANCELLARLA E NOI PROVVEDEREMO, TOGLIENDOTI DALLA NOSTRA MAILING LIST! Per il resto cerchiamo di migliorare la tua navigazione sul nostro sito senza intervenire sulla tua privacy. Sono possibili cookie tecnici nel rispetto della vigente normativa. Se continui a utilizzare questo sito, senza modificare le impostazioni dei cookie nel browser che utilizzi, e clicchi su "Chiudi e accetta" permetti il loro utilizzo.



 

Cyclamen ssp. L. - famiglia delle Primulacee
  • Ciclamino, Cyclamen hederifolium Aiton
  • Ciclamino, Cyclamen repandum Sibth. et Sm.

 

Descrizione

Cyclamen hederifolium è un ciclamino  che fiorisce tra la fine dell’estate e l’inizio dell’autunno, nei nostri boschi a partire dalla fine del mese di agosto. Questa piantina ha un’altezza compresa tra i 10 e i 30 cm.

  •  I fiori, di colore rosa chiaro, quasi sbiadito, non profumati, hanno la fauce della corolla che forma un pentagono ad angoli dentati. I lunghi e sottili steli che li sorreggono emergono dal terreno privi delle foglie, che compariranno solo dopo la fioritura.
  • Le foglie sono bislunghe, spesso macchiate; come detto, compaiono solo la fioritura

 

Cyclamen repandum fiorisce nei boschi con l’arrivo della primavera. Può raggiungere l’altezza di 20 cm.

  • I fiori sono solitari, reclinati, molto profumati, con corolla di colore rosa scuro (rosa ciclamino).
  • Le foglie, che si sviluppano prima del fiore, sono ovate picciolate, variegate di chiaro sulla pagina superiore.

Nei cicamini, il fusto sotterraneo (ipogeo) è praticamente il tubero, più o meno sferico e schiacciato, da cui si diramano delle sottili radici secondarie; la parte aerea, epigea, è lo scapo fiorale, semplice e senza foglie.



Cyclamen repandum, ciclamino (foto Fabrizio Cicio, Spello)

 


Tossicità

principi attivi sono i saponosidi, tra cui ricordiamo la ciclamina; sono presenti, specialmente, nei tuberi.

Il ciclamino è velenoso per ingestione e, se maneggiato a lungo, può causare infiammazioni e dermatiti.



Cyclamen repandum, ciclamino

 


Curiosità

Il nome del genere, Cyclamen, deriva dalla parola greca kyklos (= cerchio),  forse in riferimento alle radici tuberose, di forma rotondeggiante.

Nelle zone “arate” dai cinghiali è facile trovare tuberi di ciclamino che i voracissimi suidi selvatici neppure assaggiano.

Il ciclamino, tuttavia, è conosciuto popolarmente anche con il nome di pan porcino, ad indicare che, invece, i maiali se ne cibano volentieri.

Nella flora italiana le specie di ciclamino sono tre: oltre alle due già descritte, nel Nord Italia, sulle Alpi, è presente il Cyclamen purpurascensMiller, che vegeta sino a 1900 m di quota; è un ciclamino autunnale, molto profumato.

 

Cyclamen repandum, ciclamino

Bevagnambiente è un itinerario di conoscenza per scoprire, conoscere, amare Bevagna ed il suo ambiente.

Con Bevagnambiente diamo voce e spazio a chi, amando questo territorio, vuole promuoverne la conoscenza e il rispetto.

Chi pensa che sia possibile una crescita infinita in un mondo finito o è un pazzo o un economista… [KB]

loghibevagna.jpg
Monday the 18th. BevagnAmbiente.