Bevagnambiente, su alcune pagine, utilizza cookie di terze parti (in particolare, ad esempio, cookie legati a YOUTUBE, alle mappe di google...), rispetto a questi, come puoi ben immaginare, non abbiamo alcuna possibilità di intervenire. Se ci scrivi, se lasci dei commenti ecc. la tua email sarà gestita esclusivamente per risponderti, comunicare con te ma non la cederemo ad altri, IN OGNI MOMENTO PUOI CHIEDERCI DI CANCELLARLA E NOI PROVVEDEREMO, TOGLIENDOTI DALLA NOSTRA MAILING LIST! Per il resto cerchiamo di migliorare la tua navigazione sul nostro sito senza intervenire sulla tua privacy. Sono possibili cookie tecnici nel rispetto della vigente normativa. Se continui a utilizzare questo sito, senza modificare le impostazioni dei cookie nel browser che utilizzi, e clicchi su "Chiudi e accetta" permetti il loro utilizzo.



Corýdalis bulbosa subsp. bulbosa, colombina

Corýdalis ssp. - famiglia delle Papaveracee
  • Colombina, coridale cava, coridale, Corýdalis bulbosa subsp. bulbosa(L.) DC. (=Corýdalis cava (L.) Schw. e Koerte) 
  • Colombina, coridale solida, Corýdalis solida (L.) Schw.

 

Descrizione

La Corýdalis bulbosa subsp. bulbosa è una pianta alta 15-35 cm,  con fiori purpurei o bianco-rosati, piuttosto frequente nei boschi delle nostre montagne fino a circa m 1000 s.l.m.

La Corýdalis solida è una specie con piante alte 15-30 cm,  dai fiori roseo-purpurei con sfumature bianche, presente nei boschi di latifoglie. È abbastanza diffusa, ma non molto frequente, in tutta la penisola italiana a quote comprese tra m 200 e m 1800 s.l.m.

Di questo genere si trovano diverse varietà coltivate, nei parchi e nei giardini delle città, molto apprezzate perché formano facilmente bei tappeti di fiori dal rosa-violetto al crema, al viola intenso.

  • I fiori sono irregolari, composti da quattro petali di cui i due interni fusi insieme e gli altri due a formare il labbro superiore e quello inferiore. In particolare, il labbro superiore è allungato e forma una specie di sperone. Gli elementi fiorali (fino a 20) sono riuniti a formare un’infiorescenza, costituita da un unico racemo terminale. Nella Corýdalis bulbosa subsp. bulbosa le brattee dell’infiorescenza sono intere o al massimo dentate; nella Corýdalis solida, invece, sono partite (divise) o profondamente lobate.
  • Il frutto è una capsula che a maturità si apre lasciando cadere dei semini neri, lucidi, globosi, con appendice carnosa.
  • Le foglie sono alterne, doppiamente trifogliate.
  • il fusto della Corýdalis bulbosa subsp. bulbosa nasce da un tubero cavo di colore brunastro, generalmente ben profondo.
  • Il fusto della Corýdalis solida nasce, contrariamente a quello della C. bulbosada un tubero cavo.

Corýdalis bulbosa subsp. bulbosa, colombina

Tossicità

La tossicità della Corýdalis è legata specialmente alla presenza di alcaloidi, di cui sono ricchi soprattutto i tuberi, ma che, comunque, sono presenti anche nelle parti epigee. Tra gli alcaloidi ricordiamo in particolare la bulbocapnina.
In letteratura sono noti casi di avvelenamento di ovini e bovini che hanno abbondantemente brucato prati ricchi di consolida.


Corýdalis bulbosa subsp. bulbosa, colombina

Curiosità

Il nome del genere (Corydalis) deriva dal vocabolo greco (korydalis) che significa allodola. Fa riferimento, probabilmente, allo sperone terminale del fiore che ricorda il dito posteriore delle allodole, o, forse, alla somiglianza del fiore alla crestina dello stesso uccello, un piccolo ciuffo erettile che l’animale mostra solo se allarmato.

Corýdalis bulbosa subsp. bulbosa, colombina

Bevagnambiente è un itinerario di conoscenza per scoprire, conoscere, amare Bevagna ed il suo ambiente.

Con Bevagnambiente diamo voce e spazio a chi, amando questo territorio, vuole promuoverne la conoscenza e il rispetto.

Chi pensa che sia possibile una crescita infinita in un mondo finito o è un pazzo o un economista… [KB]

loghibevagna.jpg
Saturday the 21st. BevagnAmbiente.