Bevagnambiente, su alcune pagine, utilizza cookie di terze parti (in particolare, ad esempio, cookie legati a YOUTUBE, alle mappe di google...), rispetto a questi, come puoi ben immaginare, non abbiamo alcuna possibilità di intervenire. Se ci scrivi, se lasci dei commenti ecc. la tua email sarà gestita esclusivamente per risponderti, comunicare con te ma non la cederemo ad altri, IN OGNI MOMENTO PUOI CHIEDERCI DI CANCELLARLA E NOI PROVVEDEREMO, TOGLIENDOTI DALLA NOSTRA MAILING LIST! Per il resto cerchiamo di migliorare la tua navigazione sul nostro sito senza intervenire sulla tua privacy. Sono possibili cookie tecnici nel rispetto della vigente normativa. Se continui a utilizzare questo sito, senza modificare le impostazioni dei cookie nel browser che utilizzi, e clicchi su "Chiudi e accetta" permetti il loro utilizzo.



Solanum dulcamara, dulcamara

Solanum dulcamara L. - famiglia delle Solanacee
  • Solanum dulcamara L., dulcamara

Descrizione

Si tratta di una pianta erbacea, legnosa alla base e perenne.

Le foglie sono ovate ed appuntite, le superiori sagittate.

La corolla ha i petali di colore violaceo rivolti all'indietro, con quell'aspetto caratteristico che rende i Solanum inconfondibili.

Gli stami con le antere gialle sono riuniti a formare una specie di colonnetta a cono, di colore giallo intenso.

Il frutto è ovoidale, pendulo, lucido, di colore rosso vivo, con semi lenticolari.

Tossicità

Tra gli elementi tossici presenti nei Solanum ricordiamo in particolare la solanina, un narcotico che colpisce il sistema nervoso centrale, bulbo e midollo.
Nella dulcamara sono presenti saponine, zuccheri e alcaloidi vari presenti in special modo nei frutti.
L'ingestione di 10 bacche può determinare diarrea o stitichezza persistente, dolori addominali, sopore, problemi respiratori anche gravi.


Solanum dulcamara, dulcamara

Curiosità

Alle Solanacee appartiene anche la mandragola, pianta originaria dell'Europa meridionale che, per la forma della radice simile alla sagoma umana e per il rumore che si può produrre all'atto dell'estrazione dal terreno, nell'antichità era ritenuta magica.
Anche la Mandragora officinarum è tossica.

Bevagnambiente è un itinerario di conoscenza per scoprire, conoscere, amare Bevagna ed il suo ambiente.

Con Bevagnambiente diamo voce e spazio a chi, amando questo territorio, vuole promuoverne la conoscenza e il rispetto.

Chi pensa che sia possibile una crescita infinita in un mondo finito o è un pazzo o un economista… [KB]

loghibevagna.jpg
Monday the 18th. BevagnAmbiente.