Bevagnambiente, su alcune pagine, utilizza cookie di terze parti (in particolare, ad esempio, cookie legati a YOUTUBE, alle mappe di google...), rispetto a questi, come puoi ben immaginare, non abbiamo alcuna possibilità di intervenire. Se ci scrivi, se lasci dei commenti ecc. la tua email sarà gestita esclusivamente per risponderti, comunicare con te ma non la cederemo ad altri, IN OGNI MOMENTO PUOI CHIEDERCI DI CANCELLARLA E NOI PROVVEDEREMO, TOGLIENDOTI DALLA NOSTRA MAILING LIST! Per il resto cerchiamo di migliorare la tua navigazione sul nostro sito senza intervenire sulla tua privacy. Sono possibili cookie tecnici nel rispetto della vigente normativa. Se continui a utilizzare questo sito, senza modificare le impostazioni dei cookie nel browser che utilizzi, e clicchi su "Chiudi e accetta" permetti il loro utilizzo.



Hedera elix , edera

Hedera elix L. - famiglia delle Araliacee
  • Hedera elix L., edera, ellera, abbracciabosco

Descrizione

Si tratta di una specie che possiamo trovare facilmente allo stato naturale, ad esempio nei fossi, e nei luoghi freschi ed ombrosi, così come nella faggeta, ma che viene anche usualmente coltivata per spalliere, rivestimenti verdi e mascheramenti vari.

Per questo uso, ricordiamo che è infestante e che può danneggiare l'elemento a cui si avvinghia: screpola i muri e amplia eventuali fessure e screpolature delle pareti.

Edera, frutti

Tossicità

Diverse parti di questa pianta risultano tossiche, in particolare i frutti sono velenosi contenendo vari glucosidi tra cui l'ederina.


Edera, infiorescenze sfiorite

Curiosità

Nel linguaggio dei fiori, l'edera è il simbolo della fedeltà, ricordando la tenacia con la quale i rami di questa specie si avvinghiano ai muri o alle piante su cui si arrampica.
Nell'antica Grecia, per questo motivo, i giovani sposi ricevevano in dono ghirlande di foglie d'edera con le quali venivano incoronati durante la cerimonia nuziale.
Giovanni Pascoli così canta l'edera:
"Ora che il Verno spoglia le foreste
e le tue foglie per le vie disperde;
o vecchio ornello te ricopre e veste
l'edera verde
".
Secondo un'altra tradizione, l'edera è il simbolo della passione sfrenata: con questa pianta, infatti, le Menadi (seguaci del dio Dioniso) si cingevano il capo durante le orge dionisiache.
L'edera è un vegetale particolarmente longevo, potendo vivere anche centinaia di anni.
Quando si abbarbica ad una pianta può comprometterne la sopravvivenza, potendo in pratica soffocarla con l'abbraccio tenace dei suoi rami.
Un detto francese ci ricorda che dove si attacca, muore: "Je meurs où je m'attache".
Ricordando che si tratta di una specie tossica, e sconsigliando pertanto un qualsiasi uso interno della stessa, ricordiamo un'antica ricetta per un pediluvio rinfrescante che potrà dare sollievo alle nostre estremità stanche: alcune manciate di foglie fresche tritate in una bacinella di acqua calda.
In questa immergeremo i piedi al termine di una faticosa giornata lavorativa, o al ritorno da una lunga passeggiata sui monti nostrani.


Edera, frutti

Bevagnambiente è un itinerario di conoscenza per scoprire, conoscere, amare Bevagna ed il suo ambiente.

Con Bevagnambiente diamo voce e spazio a chi, amando questo territorio, vuole promuoverne la conoscenza e il rispetto.

Chi pensa che sia possibile una crescita infinita in un mondo finito o è un pazzo o un economista… [KB]

loghibevagna.jpg
Monday the 18th. BevagnAmbiente.