Bevagnambiente, su alcune pagine, utilizza cookie di terze parti (in particolare, ad esempio, cookie legati a YOUTUBE, alle mappe di google...), rispetto a questi, come puoi ben immaginare, non abbiamo alcuna possibilità di intervenire. Se ci scrivi, se lasci dei commenti ecc. la tua email sarà gestita esclusivamente per risponderti, comunicare con te ma non la cederemo ad altri, IN OGNI MOMENTO PUOI CHIEDERCI DI CANCELLARLA E NOI PROVVEDEREMO, TOGLIENDOTI DALLA NOSTRA MAILING LIST! Per il resto cerchiamo di migliorare la tua navigazione sul nostro sito senza intervenire sulla tua privacy. Sono possibili cookie tecnici nel rispetto della vigente normativa. Se continui a utilizzare questo sito, senza modificare le impostazioni dei cookie nel browser che utilizzi, e clicchi su "Chiudi e accetta" permetti il loro utilizzo.



Helleborus foetidus, elleboro fetido

Helleborus ssp. L. - famiglia delle Ranuncolacee
  • Helleborus foetidus L., elleboro fetido
  • Helleborus viridis L., elleboro verde

Descrizione

Helleborus foetidus L., elleboro fetido, si presenta con infiorescenze di fiori penduli verdastri, con petali rossastri in punta.
Quando è ancora il gelo a farla da padrone con promesse di neve o la persistente presenza di venti freddi di tramontana, l'elleboro resta chiuso in se stesso, mantenendo i suoi boccioli stretti nella propria essenza globosa.
In primavera l'infiorescenza si apre e con il suo colore verde chiaro spicca tra il verde scuro del fogliame basale la cui nascita risale alla primavera precedente.
Ricordiamo, inoltre, l'elleboro verde Helleborus viridis L., frequente nei boschi misti e nelle faggete.

Helleborus viridis, elleboro verde, fiori e foglie

Tossicità

Tutti gli ellebori sono velenosi perché contengono dei glicosidi, tra i quali citiamo l'elleborina, la cui azione danneggia gravemente il muscolo cardiaco (similmente alle digitali).

Nell'elleboro verde sono presenti anche degli alcaloidi.

Elleboro verde, fiori


Altra sostanza tossica presente negli ellebori è lo steroide saponigenina.

Sono noti casi di avvelenamento di bambini per ingestione di semi di elleboro.


Helleborus viridis, elleboro verde, frutti

Curiosità

Vale la pena ricordare che il termine generico Helleborus deriva dal greco e significa "cibo mortale", a rammentare la pericolosità di queste piante.
L'essiccazione non riduce la tossicità della pianta per cui il fieno contenente gli ellebori è velenoso.
Sapore ed odore degli ellebori dovrebbero dissuadere chiunque dalla appetibilità delle piante di questo genere, tuttavia, soprattutto con i bambini è bene non abbassare mai la guardia.


Elleboro verde, piante dall'alto

Bevagnambiente è un itinerario di conoscenza per scoprire, conoscere, amare Bevagna ed il suo ambiente.

Con Bevagnambiente diamo voce e spazio a chi, amando questo territorio, vuole promuoverne la conoscenza e il rispetto.

Chi pensa che sia possibile una crescita infinita in un mondo finito o è un pazzo o un economista… [KB]

loghibevagna.jpg
Sunday the 22nd. BevagnAmbiente.