Bevagnambiente, su alcune pagine, utilizza cookie di terze parti (in particolare, ad esempio, cookie legati a YOUTUBE, alle mappe di google...), rispetto a questi, come puoi ben immaginare, non abbiamo alcuna possibilità di intervenire. Se ci scrivi, se lasci dei commenti ecc. la tua email sarà gestita esclusivamente per risponderti, comunicare con te ma non la cederemo ad altri, IN OGNI MOMENTO PUOI CHIEDERCI DI CANCELLARLA E NOI PROVVEDEREMO, TOGLIENDOTI DALLA NOSTRA MAILING LIST! Per il resto cerchiamo di migliorare la tua navigazione sul nostro sito senza intervenire sulla tua privacy. Sono possibili cookie tecnici nel rispetto della vigente normativa. Se continui a utilizzare questo sito, senza modificare le impostazioni dei cookie nel browser che utilizzi, e clicchi su "Chiudi e accetta" permetti il loro utilizzo.



Solanum nigrum, erba morella, fiori

Solanum ssp. L. - famiglia delle Solanacee
  • Solanum nigrum L., erba morella
  • Solanum luteum Miller, erba morella

Descrizione

L'erba morella è una piccola pianta dall'aspetto grazioso, specialmente per i fiori sempre delicati, dalla corolla bianca a cinque lobi da cui spunta una specie di colonnetta, quasi conica, di colore giallo intenso, costituita dagli stami.
Le diverse specie e sottospecie presentano una pelosità variabile, talora ben accentuata e quindi visibile anche ad occhio nudo.
La specie Solanum nigrum ha bacche nere, mentre la Solanum luteum ha bacche gialle o rosso-minio, da cui il rispettivo nome specifico.

Tossicità

Tra gli elementi tossici presenti nei Solanum ricordiamo in particolare la solanina, un narcotico che colpisce il sistema nervoso centrale, bulbo e midollo.
In letteratura si legge che 10 bacche possono essere sufficienti a provocare una paralisi degli organi motori e delle fibre sensitive.


Solanum luteum subsp. alatum, erba morella

Considerando la pericolosità delle bacche, specie di quelle rosse e nere, ma anche di quelle verdi, non solo in riferimento ai Solanum ma anche, ad esempio alla belladonna, ci permettiamo di dire che, salvo nella certezza assoluta derivante da una profonda e specifica conoscenza del mondo vegetale e dei suoi frutti, è sempre bene evitare di mangiare bacche sospette.

Solanum nigrum, erba morella, frutti

Curiosità

Sono possibili, specie per i meno esperti, confusioni con le bacche del ribes e del mirtillo: quindi attenzione!!!

In Francia l'erba morella è detta erba crepa-cane, a ricordare la pericolosità di questa pianta.
Al genere Solanum appartengono anche le piante di patata, pomodoro, ecc.: le parti verdi di queste Solanacee contengono composti tossici (tra cui alcaloidi e saponine).
I tuberi della patata continuano a contenere queste sostanze fino a quando sono verdi, per tale motivo non vanno mangiati prima che giungano a maturità e per lo stesso motivo se un tubero (la patata presente in tutte le nostre cucine), pure se conservato al buio ed accuratamente, ha germinato, è assolutamente necessario ripulirlo dall'"occhio" che ha prodotto la nuova gemma ed, ovviamente, dalla gemma stessa.
Tali elementi, infatti, contengono principi tossici.
Per quanto detto, capiamo bene perchè i nonni ci hanno sempre consigliato di mangiare i pomodori ben maturi: non era solo e semplicemente un motivo di gusto!

Solanum luteum sunsp. alatum, erba morella

Bevagnambiente è un itinerario di conoscenza per scoprire, conoscere, amare Bevagna ed il suo ambiente.

Con Bevagnambiente diamo voce e spazio a chi, amando questo territorio, vuole promuoverne la conoscenza e il rispetto.

Chi pensa che sia possibile una crescita infinita in un mondo finito o è un pazzo o un economista… [KB]

loghibevagna.jpg
Saturday the 21st. BevagnAmbiente.