Bevagnambiente, su alcune pagine, utilizza cookie di terze parti (in particolare, ad esempio, cookie legati a YOUTUBE, alle mappe di google...), rispetto a questi, come puoi ben immaginare, non abbiamo alcuna possibilità di intervenire. Se ci scrivi, se lasci dei commenti ecc. la tua email sarà gestita esclusivamente per risponderti, comunicare con te ma non la cederemo ad altri, IN OGNI MOMENTO PUOI CHIEDERCI DI CANCELLARLA E NOI PROVVEDEREMO, TOGLIENDOTI DALLA NOSTRA MAILING LIST! Per il resto cerchiamo di migliorare la tua navigazione sul nostro sito senza intervenire sulla tua privacy. Sono possibili cookie tecnici nel rispetto della vigente normativa. Se continui a utilizzare questo sito, senza modificare le impostazioni dei cookie nel browser che utilizzi, e clicchi su "Chiudi e accetta" permetti il loro utilizzo.



Euphorbia spinosa, euforbia spinosa

Euphorbia ssp. L. - famiglia delle Euforbiacee
  • Euphorbia characias L., euforbia caracia
  • Euphorbia cyparissias L., euforbia cipressina
  • Euphorbia helioscopia L., erba calenzuola
  • Euphorbia spinosa L., euforbia spinosa

Descrizione

L'euforbia caracia (Euphorbia characias) è una pianta cespugliosa con foglie dense, spesso di colore giallastro.
Ha frutti finemente pelosi, profondamente solcati che divengono penduli quando sono maturi.
L'euforbia cipressina (Euphorbia cyparissias) è una pianta perenne con foglie lineari sottili ed ombrelle con brattee lineari, libere, all'inizio gialle e poi rosse quando i semi diventano maturi.
L'erba calenzuola (Euphorbia helioscopia) è una pianta annua con fusti pelosi, foglie spatolate ad apice dentato smarginato.
Le ombrelle sono a cinque rami più volte ramificati, le brattee sono ovali e giallastre.
I frutti sono lisci e non alati, ma trisolcati, particolarmente pericolosi per il bestiame.
L'euforbia spinosa (Euphorbia spinosa) è una pianta cespugliosa, fittamente ramosa, con rametti morti che rimangono persistenti nella pianta, induriti e spinescenti.
Ha foglie sessili ed intere più o meno lineari ed ombrelle gialle.
I frutti, le capsule, sono cilindrici e verrucosi.


Euphorbia spinosa, euforbia spinosa (foto Fabrizio Cicio)

Tossicità

La caratteristica che lega tutte le euforbie è la presenza di un latice bianco e denso, caustico ed irritante.
Può provocare acute dermatiti con bruciori, infiammazioni, gonfiori alle mucose, vescicazioni ecc.
Si trova nelle foglie e nel fusto: dunque, schiacciando e rompendo queste parti delle euforbiacee fuoriuscirà questo liquido vischioso fortemente erosivo e bruciante.

Tutte le euforbiacee sono velenose con un quadro di intossicazione praticamente costante tra tutte le specie.

Euphorbia characias, euforbia caracia (foto Fabrizio Cicio)
Considerando la pericolosità delle bacche, specie di quelle rosse e nere, ma anche di quelle verdi, non solo in riferimento ai Solanum ma anche, ad esempio alla belladonna, ci permettiamo di dire che, salvo nella certezza assoluta derivante da una profonda e specifica conoscenza del mondo vegetale e dei suoi frutti, è sempre bene evitare di mangiare bacche sospette.

Euphorbia helioscopia, erba calenzuola

Curiosità

Le radici di alcune specie di euforbiacee, tra cui ricordiamo l'erba calenzuola e l'euforbia cipressina, erano usate in passato, nelle campagne, come purgante: trattamento davvero molto pericoloso.

Bevagnambiente è un itinerario di conoscenza per scoprire, conoscere, amare Bevagna ed il suo ambiente.

Con Bevagnambiente diamo voce e spazio a chi, amando questo territorio, vuole promuoverne la conoscenza e il rispetto.

Chi pensa che sia possibile una crescita infinita in un mondo finito o è un pazzo o un economista… [KB]

loghibevagna.jpg
Monday the 18th. BevagnAmbiente.