Bevagnambiente, su alcune pagine, utilizza cookie di terze parti (in particolare, ad esempio, cookie legati a YOUTUBE, alle mappe di google...), rispetto a questi, come puoi ben immaginare, non abbiamo alcuna possibilità di intervenire. Se ci scrivi, se lasci dei commenti ecc. la tua email sarà gestita esclusivamente per risponderti, comunicare con te ma non la cederemo ad altri, IN OGNI MOMENTO PUOI CHIEDERCI DI CANCELLARLA E NOI PROVVEDEREMO, TOGLIENDOTI DALLA NOSTRA MAILING LIST! Per il resto cerchiamo di migliorare la tua navigazione sul nostro sito senza intervenire sulla tua privacy. Sono possibili cookie tecnici nel rispetto della vigente normativa. Se continui a utilizzare questo sito, senza modificare le impostazioni dei cookie nel browser che utilizzi, e clicchi su "Chiudi e accetta" permetti il loro utilizzo.



Ippocastano

Aesculus hippocastanum L., famiglia delle Ippocastanacee
  • Aesculus hippocastanum L., ippocastano

Descrizione

È un albero che raggiunge e supera i 25 m di altezza.
Ha chioma espansa, larga 8-10 m di diametro, molto fitta.
Le foglie sono decidue, palmatosette, portate da un lungo picciolo.
I fiori con corolle bianche a cinque petali, formano pannocchie lunghe oltre 25 cm ed erette.
Il frutto dell'ippocastano è una capsula da ovale a tonda di 3-6 cm con epicarpo spinoso; contiene da 1 a 3 semi definiti popolarmente castagne indiane.

Tossicità

È necessario prestare particolare attenzione che i bambini non mangino i semi dell'ippocastano (peraltro amarissimi), come detto piuttosto simili alle castagne commestibili: la presenza di saponine e bioflavonoidi li rendono, infatti, estremamente pericolosi.
Anche negli adulti sono conosciute forme di intolleranza verso l'ippocastano usato per via interna (ad esempio nella cura di emorroidi e flebiti).

Curiosità

L'ippocastano fu introdotto in Europa circa 4 secoli or sono, dai boschi della Macedonia.
Si è diffuso come pianta ornamentale per la bellezza del portamento, imponente, maestoso, in grado di assicurare un'ombra ampia e ricca.
Non tollera la siccità intensa, è facilmente soggetto a "malattie" in presenza di agenti inquinanti.
In questo caso, infatti, si arrossano i margini fogliari fino al disseccamento della lamina.
Alla fine del XIX secolo il medico francese De Vevey scoprì i principi che rendono questa specie utile nella cura delle malattie della circolazione venosa.

Bevagnambiente è un itinerario di conoscenza per scoprire, conoscere, amare Bevagna ed il suo ambiente.

Con Bevagnambiente diamo voce e spazio a chi, amando questo territorio, vuole promuoverne la conoscenza e il rispetto.

Chi pensa che sia possibile una crescita infinita in un mondo finito o è un pazzo o un economista… [KB]

loghibevagna.jpg
Monday the 18th. BevagnAmbiente.