Bevagnambiente, su alcune pagine, utilizza cookie di terze parti (in particolare, ad esempio, cookie legati a YOUTUBE, alle mappe di google...), rispetto a questi, come puoi ben immaginare, non abbiamo alcuna possibilità di intervenire. Se ci scrivi, se lasci dei commenti ecc. la tua email sarà gestita esclusivamente per risponderti, comunicare con te ma non la cederemo ad altri, IN OGNI MOMENTO PUOI CHIEDERCI DI CANCELLARLA E NOI PROVVEDEREMO, TOGLIENDOTI DALLA NOSTRA MAILING LIST! Per il resto cerchiamo di migliorare la tua navigazione sul nostro sito senza intervenire sulla tua privacy. Sono possibili cookie tecnici nel rispetto della vigente normativa. Se continui a utilizzare questo sito, senza modificare le impostazioni dei cookie nel browser che utilizzi, e clicchi su "Chiudi e accetta" permetti il loro utilizzo.



Iris giallo

Iris pseudacorus L., famiglia delle Iridacee
  • Iris pseudacorus L., iris giallo

Descrizione

È una pianta alta 40-100 cm.
Ha fiori di colore giallo vivace, con o senza venature brune interne, praticamente privi di odore.
I tepali interni del perigonio sono più piccoli degli stami petaloidei.
Anche i tre stili - che si presentano con due lobi dentati - assomigliano a tepali, così da aumentare la vistosità complessiva del fiore.
Le lunghe foglie, piatte e acuminate, larghe in genere fino a 3 cm e con evidenti nervature strette e parallele, dalla forma simile a spade, sono di colore verde glauco.
L'iris giallo è una pianta tipica dei luoghi paludosi e delle rive dei corsi d'acqua, fiorisce da aprile a giugno-luglio.

Iris giallo, particolare del fiore

Tossicità

Nel rizoma sono presenti sostanze acri ed irritanti: se ingerito può causare gastroenteriti.

Iris giallo, lungo il fiume Clitunno

Curiosità

L'iris giallo o delle paludi è impollinato principalmente da api e bombi.

Con l'iris giallo (ma anche con il gladiolo dei campi - che cresce nelle campagne, soprattutto negli incolti, lungo gli argini dei torrenti e ai margini dei campi coltivati a cereali - e con le varietà di iris germanica, spesso sfuggite alla coltivazione nelle aiuole che abbellivano i cascinali) si realizzavano le così dette croci di giglio.

Nei giorni delle festività di San Marco o dell'Ascensione, così come in altre occasioni speciali, come ad esempio San Paolo della Croce, si usava raccogliere il giglio nella campagna e portarlo a benedire.

Le foglie consacrate erano infilate sulla sommità tagliata di una canna, insieme alle palme e ad una candela benedetta (ad es. in occasione della festa della Candelora) realizzando così delle croci.

Queste, entro il giorno della festività della Santissima Croce, erano posizionate nei campi a protezione del raccolto.

Nel corso della mietitura il primo lavorante che s'imbatteva in una croce doveva raccogliere alcune spighe del campo, intrecciarle e posarle sull'insegna cristiana, come ringraziamento per la messe che anche quell'anno era stata assicurata.

Dopo la mietitura, in alcune zone si usava trasportare le croci di giglio nell'aia ove era allestito "lu barcone", in pratica l'insieme dei covoni accatastati prima della trebbiatura.

Iris giallo, fiori

Bevagnambiente è un itinerario di conoscenza per scoprire, conoscere, amare Bevagna ed il suo ambiente.

Con Bevagnambiente diamo voce e spazio a chi, amando questo territorio, vuole promuoverne la conoscenza e il rispetto.

Chi pensa che sia possibile una crescita infinita in un mondo finito o è un pazzo o un economista… [KB]

loghibevagna.jpg
Monday the 18th. BevagnAmbiente.