Bevagnambiente, su alcune pagine, utilizza cookie di terze parti (in particolare, ad esempio, cookie legati a YOUTUBE, alle mappe di google...), rispetto a questi, come puoi ben immaginare, non abbiamo alcuna possibilità di intervenire. Se ci scrivi, se lasci dei commenti ecc. la tua email sarà gestita esclusivamente per risponderti, comunicare con te ma non la cederemo ad altri, IN OGNI MOMENTO PUOI CHIEDERCI DI CANCELLARLA E NOI PROVVEDEREMO, TOGLIENDOTI DALLA NOSTRA MAILING LIST! Per il resto cerchiamo di migliorare la tua navigazione sul nostro sito senza intervenire sulla tua privacy. Sono possibili cookie tecnici nel rispetto della vigente normativa. Se continui a utilizzare questo sito, senza modificare le impostazioni dei cookie nel browser che utilizzi, e clicchi su "Chiudi e accetta" permetti il loro utilizzo.



Lauroceraso, foglie

Prunus laurocerasum L., famiglia delle Rosacee
  • Prunus laurocerasum L., lauroceraso

Descrizione

Cespuglio o alberello a foglie persistenti, coriacee, di colore verde intenso, lanceolate, con terminazione acuta, margine finemente dentato, lunghe oltre 10 cm, rette da un picciolo di 1,5 cm circa.
I fiori sono piccoli, con corolle biancastre a 5 petali, riuniti a formare un'infiorescenza a pannocchia eretta.
Fiorisce da aprile a maggio.
I frutti sono piccole drupe (circa 1 cm di diametro), nerastre a maturità, riuniti in infruttescenze piuttosto ricche.
La corteccia è grigiastra e liscia negli esemplari giovani, rugosa e con sfumature nerastre negli individui più maturi.

Tossicità

Le foglie contengono un glicoside che fermentando libera acido cianidrico (dal caratteristico profumo di mandorle amare).
L'acido cianidrico è molto pericoloso, come noto, perché non permette ai tessuti di assorbire l'ossigeno trasportato dal sangue.
Attenzione, dunque, a non confondere le foglie del lauro con quelle dell'alloro, comunemente utilizzato per aromatizzare sughi ed arrosti.
Molto velenose sono anche le drupe: 10 possono rivelarsi mortali se ingerite da un bambino.

Curiosità

Questa pianta è stata importata dall'Asia Minore e dall'Europa sud-orientale, per uso ornamentale, specialmente per realizzare siepi, a causa del portamento arbustivo-cespuglioso (anche se è possibile allevarla da alberello, nel qual caso raggiunge facilmente - e supera - i 7 m di altezza).
Il botanico Clusius la portò a Vienna da Costantinopoli nel 1574, insieme ad altre specie esotiche.
Si tratta di una pianta vigorosa, molto resistente agli agenti inquinanti e quindi apprezzata ed apprezzabile come barriera verde nelle nostre città ormai troppo ammorbate.
Non resiste alle gelate estreme, per cui si adatta bene ad esposizioni da soleggiate a mezz'ombra, fino a circa 600 m s.l.m.
La tossicità di questa pianta è stata individuata solo nel corso del XVIII secolo.

Bevagnambiente è un itinerario di conoscenza per scoprire, conoscere, amare Bevagna ed il suo ambiente.

Con Bevagnambiente diamo voce e spazio a chi, amando questo territorio, vuole promuoverne la conoscenza e il rispetto.

Chi pensa che sia possibile una crescita infinita in un mondo finito o è un pazzo o un economista… [KB]

loghibevagna.jpg
Monday the 23rd. BevagnAmbiente.