Bevagnambiente, su alcune pagine, utilizza cookie di terze parti (in particolare, ad esempio, cookie legati a YOUTUBE, alle mappe di google...), rispetto a questi, come puoi ben immaginare, non abbiamo alcuna possibilità di intervenire. Se ci scrivi, se lasci dei commenti ecc. la tua email sarà gestita esclusivamente per risponderti, comunicare con te ma non la cederemo ad altri, IN OGNI MOMENTO PUOI CHIEDERCI DI CANCELLARLA E NOI PROVVEDEREMO, TOGLIENDOTI DALLA NOSTRA MAILING LIST! Per il resto cerchiamo di migliorare la tua navigazione sul nostro sito senza intervenire sulla tua privacy. Sono possibili cookie tecnici nel rispetto della vigente normativa. Se continui a utilizzare questo sito, senza modificare le impostazioni dei cookie nel browser che utilizzi, e clicchi su "Chiudi e accetta" permetti il loro utilizzo.



Si tratta di una pianta a fusto legnoso, più o meno eretto, con aspetto di piccolo arbusto. Le foglie sottili, lunghe anche 9 mm, sono tomentose nella pagina inferiore. I fiori, da bianchi a rosei, hanno il labbro superiore intero e sono riuniti in spighette di varia lunghezza; quelli più grandi, con gli stami, sono i fiori maschili, i più piccoli, sono i femminili. Il frutto, un achenio situato all'interno del calice, è costituito da 4 semi ricoperti da un guscio di colore marrone.

Quest'arbusto, che si riproduce anche per talea o divisione dei cespi, fiorisce dal mese di maggio. Il nome del genere richiama il penetrante profumo che emanano le varie specie che vi appartengono. Il termine "thymos" deriva da un verbo del greco antico che significa "fare sacrifici". Gli antichi, infatti, bruciavano questa pianta durante gli atti sacrificali. Lo scopo era quello di far giungere agli dei effluvi piacevoli, con la speranza, ovviamente, di renderseli amici.

Il timo ha proprietà antisettiche e vermifughe. Per questo le carni aromatizzate con il timo resistono meglio e più a lungo alla putrefazione. In generale le sue proprietà conservanti lo rendono particolarmente utile per aromatizzare anche formaggi, marinate, salamoie e sottaceti. È molto utile nelle malattie da raffreddamento, quali influenze e bronchiti. In questo caso si consiglia un infuso ottenuto con 1,5 grammi di cime fiorite ed un decilitro d'acqua, eventualmente dolcificato con miele. Nel caso di problemi allo stomaco lo stesso infuso va bevuto amaro.

Bevagnambiente è un itinerario di conoscenza per scoprire, conoscere, amare Bevagna ed il suo ambiente.

Con Bevagnambiente diamo voce e spazio a chi, amando questo territorio, vuole promuoverne la conoscenza e il rispetto.

Chi pensa che sia possibile una crescita infinita in un mondo finito o è un pazzo o un economista… [KB]

loghibevagna.jpg
Monday the 23rd. BevagnAmbiente.