Bevagnambiente, su alcune pagine, utilizza cookie di terze parti (in particolare, ad esempio, cookie legati a YOUTUBE, alle mappe di google...), rispetto a questi, come puoi ben immaginare, non abbiamo alcuna possibilità di intervenire. Se ci scrivi, se lasci dei commenti ecc. la tua email sarà gestita esclusivamente per risponderti, comunicare con te ma non la cederemo ad altri, IN OGNI MOMENTO PUOI CHIEDERCI DI CANCELLARLA E NOI PROVVEDEREMO, TOGLIENDOTI DALLA NOSTRA MAILING LIST! Per il resto cerchiamo di migliorare la tua navigazione sul nostro sito senza intervenire sulla tua privacy. Sono possibili cookie tecnici nel rispetto della vigente normativa. Se continui a utilizzare questo sito, senza modificare le impostazioni dei cookie nel browser che utilizzi, e clicchi su "Chiudi e accetta" permetti il loro utilizzo.



Ha piccoli fiori bianchi, con corolle rotate a lobi acuti e antere gialle che fuoriescono dalla fauce. I frutti sono bacche verdi che divengono nere a maturità; le foglie sono intere, a margine sinuoso-dentato. La pianta è annuale ma può divenire perenne in climi caldi. Ha radice fittonante.

L'erba morella è velenosa per la presenza dell'alcaloide solanina; in letteratura sono riportati casi letali a carico di bambini per ingerimento delle bacche. Appartiene allo stesso genere la dulcamara, Solanum dulcamara L., tipica delle siepi e dei vigneti.

La dulcamara ha corolle simili a quelle dell'erba morella ma di colore violetto. Ha bacche, ovali, di colore rosso. Si tratta di una specie a portamento rampicante, velenosa. Una curiosità: alla famiglia delle solanacee appartengono specie eduli come le patate (Solanum tuberosum L.) e i pomodori (Lycopérsicon esculéntum Miller=Solanum lycopérsicum L.). Le parti epigee, verdi, di queste piante, comuni nei nostri orti e campi coltivati, sono anch'esse velenose per il contenuto in alcaloidi e saponine

Bevagnambiente è un itinerario di conoscenza per scoprire, conoscere, amare Bevagna ed il suo ambiente.

Con Bevagnambiente diamo voce e spazio a chi, amando questo territorio, vuole promuoverne la conoscenza e il rispetto.

Chi pensa che sia possibile una crescita infinita in un mondo finito o è un pazzo o un economista… [KB]

loghibevagna.jpg
Monday the 23rd. BevagnAmbiente.