Bevagnambiente, su alcune pagine, utilizza cookie di terze parti (in particolare, ad esempio, cookie legati a YOUTUBE, alle mappe di google...), rispetto a questi, come puoi ben immaginare, non abbiamo alcuna possibilità di intervenire. Se ci scrivi, se lasci dei commenti ecc. la tua email sarà gestita esclusivamente per risponderti, comunicare con te ma non la cederemo ad altri, IN OGNI MOMENTO PUOI CHIEDERCI DI CANCELLARLA E NOI PROVVEDEREMO, TOGLIENDOTI DALLA NOSTRA MAILING LIST! Per il resto cerchiamo di migliorare la tua navigazione sul nostro sito senza intervenire sulla tua privacy. Sono possibili cookie tecnici nel rispetto della vigente normativa. Se continui a utilizzare questo sito, senza modificare le impostazioni dei cookie nel browser che utilizzi, e clicchi su "Chiudi e accetta" permetti il loro utilizzo.



 Si tratta di una pianta glabra, esile, alta fino a 60 centimetri. Ha fusto foglioso, con foglie generalmente alterne, intere e sottili, larghe al più 3 millimetri e lunghe anche 3 centimetri. I petali, azzurro-celesti, possono raggiungere 2-2,5 cm di lunghezza. I peduncoli, anche dopo la fioritura e i frutti, sono eretti e questo è uno dei segni distintivi della specie.

Ricordiamo inoltre il Linum usitatissimum L. Questo si presenta a foglie intere, con sepali a 3 nervature evidenti. Ha fiori azzurri con petali lunghi circa un centimetro e mezzo, più o meno denticolati. Il frutto, grande circa 7-9 millimetri, ha un rostro minuscolo. È una pianta annuale, in genere a fusto unico. Si tratta di una specie coltivata che, sfuggita alle colture, si trova, più o meno diffusa comunque mai frequente, fino al piano montano, nei luoghi erbosi, sassosi e nei prati. D'origine ignota, potrebbe essere derivata dal Linum bienne Miller; quest'ultimo è una pianta esile, alta fino a 30 cm, perenne o bienne, in genere con più fusti. Ha foglie sottili, lunghe anche 2 cm, di forma lineare lanceolata. Le corolle, colore azzurro-cielo, sono composte da petali lunghi circa un centimetro. I sepali presentano una sola nervatura, centrale, evidente; quelli interni sono cigliati. Il frutto, lungo anche oltre mezzo centimetro, è senza rostro e questo è un elemento distintivo dal Linum usitatissimum L., insieme al numero delle nervature dei sepali e al fatto che i sepali interni, nella specie usitatissimum, spesso non sono cigliati.

Bevagnambiente è un itinerario di conoscenza per scoprire, conoscere, amare Bevagna ed il suo ambiente.

Con Bevagnambiente diamo voce e spazio a chi, amando questo territorio, vuole promuoverne la conoscenza e il rispetto.

Chi pensa che sia possibile una crescita infinita in un mondo finito o è un pazzo o un economista… [KB]

loghibevagna.jpg
Monday the 23rd. BevagnAmbiente.